CATALOGHI:
Termostati
Informazioni di base sui termostati

I termostati svolgono la funzione di regolare e mantenere costante la temperatura del motore controllando la portata del liquido refrigerante che attraversa il radiatore in modo da garantire equilibrio tra il calore introdotto nel circuito e quello ceduto all’esterno.
Accelerando il preriscaldamento del motore e regolandone costantemente la temperatura operativa, il termostato prolunga la vita del motore, migliorandone le prestazioni e riducendo consumi ed emissioni.
Esso è montato di solito all'interno di un collettore in materiale plastico o in alluminio, posto sulla testata del motore.

Vi sono alcuni termostati, posizionati in zone diverse del circuito di raffreddamento, che svolgono funzionalità ausiliarie:
- Raffreddamento del gas di scarico del gruppo EGR
- Regolazione della temperatura dell’olio trasmissione del cambio automatico
- Regolazione della temperatura dell’olio motore


Elementi costitutivi e principi di funzionamento
Durante la fase di avviamento a freddo del motore, il termostato impedisce la circolazione del liquido di raffreddamento verso il radiatore, riducendo in questo modo i tempi di raggiungimento della temperatura ideale. Una volta che la temperatura del refrigerante aumenta (raggiungendo un livello fra i 75°C e i 125°C, in relazione al tipo di motore e alla posizione del termostato nel circuito di raffreddamento), il termostato inizia ad aprirsi, permettendo che il liquido attraversi il radiatore. Questo processo avviene meccanicamente grazie alla dilatazione della miscela di cera e alluminio inserito all’interno dell’elemento sensibile del termostato, che fa aprire la valvola quando si supera la temperatura di attuazione. A temperature inferiori di 5 °C rispetto ai valori di apertura il termostato si chiude per contenere le escursioni termiche del refrigerante all’interno motore.


Maggiori cause di malfunzionamento del termostato
- Inceppamento dovuto alla corrosione dei componenti
- Insufficiente quantità del liquido refrigerante, causata da micro perdite


Effetti del malfunzionamento dei termostati
Se l’inceppamento avviene in posizione di riposo, manca il flusso del liquido refrigerante. Se il liquido refrigerante è insufficiente, si formano delle bolle d’aria nel circuito di raffreddamento. Entrambe le situazioni possono causare la bruciatura della guarnizione della testata.


Tipologie di termostati Facet
Per rispondere alle diverse esigenze di controllo della temperatura in differenti condizioni di esercizio e per garantire una perfetta adattabilità ai diversi modelli di autovetture, Facet offre una gamma diversificata di termostati, dal più semplice a quelli di ultima generazione controllati da centralina (map controlled).

Termostato semplice o con valvola bypass

Questa tipologia di termostati è caratterizzata da una struttura metallica formata da flangia e telaio nella quale è racchiuso l'elemento sensibile, valvola e molla antagonista. Il cuore dell’elemento sensibile è costituito dalla miscela di cera e alluminio, la cui dilatazione data dall’aumento della temperatura produce una forza che determina lo scorrimento dell'elemento sensibile e l'apertura della valvola attraverso la quale fluisce il liquido refrigerante. La forza esercitata dall'elemento sensibile è contrastata dalla molla antagonista. Quando la temperatura del refrigerante scende al di sotto del livello di apertura la molla antagonista fa pressione sulla valvola e riporta l’elemento sensibile nella posizione originaria interrompendo il circuito di raffreddamento.

La valvola by-pass su alcuni termostati ha la funzione di ostruire il passaggio del liquido refrigerante verso il radiatore deviandolo attraverso un condotto secondario. Questo meccanismo consente un raggiungimento più rapido dell’equilibrio termico.

Termostato con corpo in plastica o alluminio

Questi termostati sono integrati in un corpo in plastica o pressofuso in alluminio collegato al circuito di refrigerazione tramite raccordi e/o bocchettoni.   

Facet produce termostati con alloggiamenti di forme anche molto complesse e dotati di raccordi per i circuiti motore e di trasmettitori per il controllo della temperatura.

Termostato controllato da centralina (Map Controlled)

Questa tipologia di termostati consente una più ampia e rapida operatività rispetto ai termostati tradizionali. Oltre alla funzionalità meccanica del bulbo a cera, i termostati controllati da centralina sono dotati di un riscaldatore elettrico integrato nell’elemento sensibile. Il riscaldatore, controllato dalla centralina di controllo motore del veicolo, può intervenire modificando la temperatura del liquido refrigerante in base alla velocità e alle condizioni di carico del motore. Questa regolazione avviene secondo una mappa memorizzata nella centralina.

Nelle condizioni di carico parziale (ciclo urbano) il termostato stabilizza il motore ad una più alta temperatura, ottenendo così vantaggi quali buone cinetiche di reazione, emissioni inferiori e attrito ridotto (con conseguente riduzione dei consumi).

Nelle condizioni di pieno carico l’azione del riscaldatore consente l’operatività  a temperature più basse, aumentando la potenza del motore